Archivi Categorie: Novità

GeoGebra

geogebraIl 10 dicembre è stata rilasciata la versione 4.4 di GeoGebra. Davvero devo parlarne almeno un pochino.
GeoGebra l’avevo scoperta attraverso Jeff Hoogland e l’avevo annunciato qui.
L’amico Marco Cameriero aveva fatto anche di meglio con Guida a GeoGebra, sito da vedere assolutamente.

Adesso c’è la nuova versione –sì, lo so che l’ho già detto– tutti gli studenti e i matematici (visto che non ho scritto matematti?) farebbero bene a fiondarsi sulla pagina del progetto (sì c’è la versione in italiano tra le tantissime lingue presenti).

È disponibile per Windows, Mac e Linux (wow!) anche in versione Portable che non necessita di installazione, la metti su una chiavetta USB e ce l’hai disponibile su ogni ‘puter su cui riesci a mettere le mani.

Cosa fa? Ecco, qui potrei cominciare a raccontare, sarebbe un discorso lungo perché fa tante cose e non so cosa v’interessa adesso. E poi, che cu fortuna!, c’è la pagina dei tutorial con un’ampia varietà di materiali introduttivi. C’è anche un canale YouTube con 140 video. E –bonus– imparate l’inglese, le insegnanti lo parlano molto chiaramente, non come certi ‘mericani con cui ho a che fare in questi tempi! (Ops cancello, nel caso che capitino qui).

Sia i tutorial che i video vanno dalle operazioni elementari a quelle molto più complesse, volendo c’è programmazione, formattazione con LaTeX e chissà cos’altro che ancora non ho visto.

Insomma altamente raccomandabile, anzi dal prossimo anno non faccio più ‘mico con chi non lo usa. Esentati solo quelli che usano cose da mattemattici persi come Mathematica (sta a voi scegliere) :mrgreen:

Lubit – è pronto per il download

l0
È uscito, pronto per il download e l’installazione. Io sono indaffarato su millemila cose –in ritardo su tutte– ma appena posso lo installo. E faccio una recensione come si deve, o almeno come sono capace.

Per intanto il link all’annuncio ufficiale, qui: Lubit Linux 1.0.6: pronta al download, e le prime recensioni:

logo-m
:-D :-D :-D :-D :-D

Aggiornamento: nuova recensione, di Ant1: Lubit distribuzione leggera.

Eple per chi vuole cominciare da piccolo

It stands for “apple” in norwegian and it is an acronym for
EPLE Programming Learning Environment

unica

Quando io dovevo iscrivermi al secondo anno del Poli (in realtà era già tardi ma prima non lo sapevo ancora, e poi tutti i miei amici di Poli…) ho dichiarato che volevo andare su ingegneria informatica.
“Cos’è quella roba lì?” chiese mio padre.
“Quella che si occupa dei calcolatori” risposi, me l’ero preparata. In realtà dissi “cervelli elettronici” perché allora si chiamavano così.
Sapevo che mio padre sarebbe stato molto contrario e mi stupì che non dicesse niente. Ma, forse, era solo stato preceduto dalla mamma che mi convinse con “è una moda passeggera, tempo un paio d’anni e non ne sentiremo più parlare”.
Continuai con ingegneria civile, credo che oggi si chiami edile. Ma ho sempre trafficato con i ‘puter. Di diversi tipi e dimensioni, sempre più piccole, fino a quando non c’è più stato spazio per la tastiera.

E, naturalmente, per me calcolatore = cosa che serve a fare calcoli, quelli che farli a mano sarebbe troppo lungo. Anche se devi saperli fare, per controllare le istruzioni che gli dai, lo chiamano debug.
Quando ho cominciato a lavorare io c’erano ormai i TTY, sì a volte ancora le schede ma era roba del passato. Un’altra cosa che sarebbe dovuta essere del passato e invece no erano le due generazioni precedenti di operatori: quella che lavorava in assembler (si dovrebbe dire assembly, lo so e lo so che lo sapete) e quella che lavorava in FORTRAN IV, proprio come se fosse assembler (assembly). E siccome erano i capi comandavano loro.

Poi a un certo punto sono usciti i personal, cosine costose e inguardabili se viste adesso. Ma con loro è nata una generazione di giovani (non si chiamavano digitali ma lo erano) che dopo un po’ smettevano di giocare e facevano cose in Basic. Programmi orrendi per come erano scritti, tipo tante istruzioni sulla stessa riga separate da due-punti fino a quando la riga stessa diventava troppo lunga. C’era chi iniziava il FOR con dichiarazione del ciclo, poi ci metteva tutto il corpo e il NEXT finiva da solo su una nuova riga. Ma il mondo sarebbe stato loro.
Poi anche il Basic è passato di moda: oggi con il SO (operating system) non te lo danno, e è anche difficile trovarlo. E allora se una ragazza o un ragazzo come si deve vuole imparare fin da subito?
C’è qualcosa in giro, da parecchio tempo. E ultimamente c’è una novità: la tesi di Pier Giuliano Nioi, piergiu.

eple

È quasi un peccato che io sappia già trafficare con il ‘puter (anche se in realtà non mi capisce quasi mai) perché il piergiu (io lo pronuncio con l’accento sulla u) ha sviluppato un’app decisamente bella. Ho tentato per qualche giorno di farne un riassunto, una recensione ma vi conviene vederla da lui. Trovate il PDF che vi dice tutto e l’applicazione completa qui: An Interactive Environment for the Didactical Manipulation of Programs.

Ditegli che vi mando io (“Juhan send me“) se volete, ma anche no.

education

Adesso non so a se piergiu piaccia questo post messo così ma dovevo farlo, guarda oggi che cinguettio ho visto: Localized (Visual) Programming Language For Kids?

Quando si dice la combinazione ;-) :-D

Pronti per Lubit?

logo-m

Allora ne so ancora poco perché il team (wonderful team!) non ha ancora postato molto, solo immagini, principalmente su Twitter, di lavoro durante lo sviluppo, eccone qualcuna:

lo

menu

doc

pics

Da oggi c’è il sito ufficiale, Lubit Linux @ http://lubit.org/ (che per adesso è vuoto ma prossimamente…

Intanto il mio in bocca al pinguino (lo so che non è granché, non me n’è venuto niente di meglio), presto una recensione come si deve.

E se posso dare un consiglio alla squadra lo faccio citando le parole del mio amico Albert: everything should be made as simple as possible, but not simpler.

Sviluppare codice per il kernel Linux

Non è facilissimo sviluppare codice per il kernel Linux, soprattutto quando si tratta di sperimentare un nuovo scheduler. Se c’è un bug nel codice, il kernel si pianta prima di subito! E non è facile capire perché sia crashato, non è che potete usare il debugger, sapete? Si, ci sono degli strumenti che permettono di fare un minimo di debug; però non è facilissimo usarli, e comunque fare “il giro” di compilazione, boot, crash, caricamento della traccia e ispezione visiva prende un mucchio di tempo.

Ah, se si potesse sviluppare in spazio utente: se si pianta il programma basta riavviarlo; si possono usare debugger, tracce, printf, ecc. in maniera molto più semplice ed efficace!

Beh, Fabio, Juri e io abbiamo lavorato un po’ a questo problema nell’ultimo mese. Juri è uno studente di dottorato che tra le altre cose fa il maintainer di SCHED_DEADLINE, un nuovo scheduler real-time per Linux; Fabio sta facendo la tesi di laurea con il sottoscritto, e la tesi consiste nello sviluppo di una struttura dati lock-free per lo scheduler. Per sviluppare la struttura dati in maniera efficace, invece di farlo direttamente nel kernel, abbiamo deciso di farlo in user-space. Per cui, ecco PRAcTISE, un framework per sviluppare scheduler per Linux in user-space. E dato che ci sembrava un lavoro ben fatto, lo abbiamo descritto in un paper che abbiamo appena submittato a OSPERT, un workshop specializzato.

E quindi, niente: il paper è stato appena spedito, andrà in peer-review e non sappiamo ancora se sarà accettato. Tra l’altro, tanto per cambiare, l’abbiamo scritto in fretta, quindi speriamo di non averci infilato tante cappellate. Nel frattempo, se volete potete leggerlo, scaricarvi il software e provarlo, e mandarci commenti, oppure provare a collaborare. Siete tutti benvenuti!

Linguaggi regolari – una segnalazione.

Lo so che ci sono altri argomenti, ho quasi pronto un altro post su Go, un altro in via di stesura su Python e un altro per Windows e tant’altro ancora ma prima una segnalazione. Se la cosa funziona questo tipo di comunicazioni potrebbero ripetersi periodicamente, vedremo.

Uno dei blog che seguo da più tempo è Good Math, Bad Math — ne ho già parlato. Oggi MarkCC ha un post (purtroppo si fanno sempre più rari) davvero intrigante. Ed è solo la prima parte di una serie che spero lunga e con periodicità breve :-D
Insomma si parla di linguaggi regolari. Il consiglio che credo di dovervi dare è che fareste bene a seguirlo: RSSate il blog, subito.
Un’altra caratteristica del blog è che ogni post genera una discussione che si sviluppa in una lunga serie di commenti e MarkCC risponde sempre, chiarendo e a volte ampliando il discorso.

Un’osservazione OT ma non così peregrina. Come anche altri MarkCC usa l’acronimo FSM per indicare finite state machine, cosa senz’altro buona e giusta, almeno finchè si evitano confusioni con Sua Pastosità the Flying Spaghetti Monster, quello che viene bollito per il nostro appetito, RAmen.

Python for Informatics: un ottimo manuale facile e completo

Un post atipico, non so se vale ma io ci provo 8)
Anzi non un post e neanche una recensione, solo la presentazione di un libro. Che mi sembra fatto molto bene, anche se non l’ho letto –sembro un professionista 8)


È un manuale per un corso universitario per studenti che non faranno probabilmente i programmatori ma dovranno di sicuro confrontarsi con l’informatica e allora:

[w]riting programs (or programming) is a very creative and rewarding activity. You can write programs for many reasons ranging from making your living to solving a difficult data analysis problem to having fun to helping someone else solve a problem. This book assumes that everyone needs to know how to program and that once you know how to program, you will figure out what you want to do with your newfound skills.

Non presume nessuna conoscenza, va bene per il niubbo armato di buona volontà. Ed è molto completo; Python non avrà più segreti (o quasi).
Liberamente scaricabile come PDF da qui.

Ottimo anche il sito dell’autore, link sulla stessa pagina.

In questi giorni sto cominciando a cinguettare, sono _juhan. Devo ancora imparare ma in ogni caso il limite del cinguettio non mi avrebbe certo consentito di metterci dentro tutto questo. Ma ci metterò il link.

Un’altra cosa: l’inglese è un problema per voi cara dozzina di lettori? Se sì sappiate che in ogni caso continuerò su questa strada. La colpa non è mia ma del mondo: si ostinano tutti a non usare il piemontese :-(

Aggiornamenti & news

In questi giorni sto facendo amicizia con un puffino,

per cui niente post di quelli che richiedono tempo, cioè niente codici 8)

Però non posso passare tutto il tempo a leggere manuali e provare comandi a volte piuttosto particolari: per esempio quello che (quasi) tutti scriverebbero print qui diventa disp. Promette di essere interessante ma oggi faccio altro, quello che il mio amico e mentore Picchio chiamerebbe ca$$eggio stralollistico: Picchio rockz! 8)

Aggiornamenti post su newLISP

Ad agosto quando tutti erano in ferie e io dovevo stare in casa e mi sentivo solo ho riscoperto una cosa meravigliosa che nel frattempo era cresciuta e ne ho voluto far parte tutti (anche se in quel mese, giustamente, le visite al blog erano scarsine). Sto parlando di newLISP, ovviamente. Ma, c’è sempre un ma, o anche più di uno, pur essendo a conoscenza del mantra #0 –”e leggere quel ROT13(‘pnmmb’) di manuale” il manuale di wordpress, ahehmm, come dire, no, quel pezzo l’avevo saltato.
Ma poi l’ho ritrovato, a novembre quando sono rimasto senza rete.

Per farla breve ho scoperto come inserire nel blog il sorgente newLISP e così oggi ho aggiornato i post newLISP e newLISP, cont.

Zenity e il suo successore YAD

Tempo fa ho raccontato anche di Zenity qui e qui. Da un po’ di tempo Zenity non viene aggiornato, d’accordo che va bene così com’è ma l’evoluzione…, e allora qualcuno ha pensato di rifarlo in versione 2010; ed è nato YAD (yet another dialog). Io avevo pensato di dedicargli un post, ho anche fatto un pasticcio da n00b (niubbo) che se non era per Muflone (grazie ancora Fabio!) avrei dovuto riformattare e rinstallare millemila robe, ma poi c’è l’amico Lightuono che sta facendo un ottimo lavoro. Andate da lui e dite che vi mando io. Per adesso ha postato questo, questo e questo e continuerà ancora: Lightuono lightenz! 8)

Il prompt del terminale

Essendo della vecchia scuola, anzi essendo vecchio a dirla tutta, uso spesso il terminale e trovo comodissimi i comandi, basta memorizzarne qualche zillione, ricordarli con le loro opzioni e il ‘puter fa tutto quello che vuoi, o quasi.
Quando io ero piccolo il prompt era qualcosa come $ o # ed era cosa buona e giusta. Poi si è diversificato, complessificato, ingigantito. Ecco alle volte il prompt usuale quello che riporta la directory corrente (quella di pwd) occupa tutta la riga o anche di più. Ed è inutile perché la stessa informazione la trovate sulla barra del titolo.
Allora io mi sono stufato e quello che era


è ora


Per far questo ho modificato ~/.bashrc così:
1) settare il prompt a colori, in modo da distinguere facilmente dov’è l’ultimo comando
force_color_prompt=yes
2) indicare solo la base della directory (cioè) la parte dopo l’ultimo slash
PS1='\[33[01;31m\]* : \W \$\[33[00m\] '
attenzione che W dev’essere maiuscolo. Poi naturalmente si può cambiare anche il colore, o metterne di più, non c’è mai limite al peggio ;-)
I colori, e tanto altro, te li dice Ramesh, qui

Inoltre

Per chi non conosce ROT13 può sempre chiedere a Linda.

Python – risorse in italiano & soddisfazioni

Quando si dice la serendipity! ;-)
Cercavo altro, davvero, lo giuro sulla testa dei figli di Silvio :-D
OK, cercavo documentazione in ‘tagliano (io l’englisho non lo capisco, guardo solo le figure).

Comunque, a farla breve, sono capitato qui: http://wiki.python.org/moin/ItalianLanguage

E indovinate cosa c’è nella lista dei blogs?
Ebbene sì! due volte, oltre che okpanico c’è anche un vecchio post preparatorio per okpanico su scacciamennule, il blog dl dr. prof che tutti dovrebbero leggere.

Adesso un’altra cosa che non ci crederete neanche se ripeto i giuramenti di cui sopra ballando il bunga bunga: la pagina in questione è fatta da Carl Trachte che attualmente si trova a Las Cruces, New Mexico, USA.
Io in New Mexico non ci sono mai stato e neanche nel Mekiko vero, quello sotto, quello di ¡Que viva México!.
E Carl non lo conosco, le pagine se le è trovate perché sono importanti :-D
Oppure, come diceva un cantautore della mia generazione “La CIA ci spia” :-D
O è Google? ;-)

Adesso vado a dirlo alla mamma (che non legge il mio blog) e cerco dov’è Las Cruces, chissà se è molto distante da Broccolino e se ci si può arrivare con l’autobus?

Maverick Meerkat e wmctrl – un piccolo bug

Maverick Meerkat, codice fiscale Ubuntu 10.10, sembra OK. E si presenta molto bene anche riguardo all’aspetto grafico. Qualcuno ha avuto a che ridire sull’ombra che le finestre proiettano sul desktop e sulle finestre sottostanti ma a me piace, assai. Piuttosto è difficile ridimensionare le finestre se non si opera sull’angolo a destra in basso. E le barre di scorrimento sono forse un pochino strette. Bello anche il nuovo font, molto leggibile.

Una cosa che mi aspettavo e invece non è arrivata sono i windicators.

Non sono il solo ad aver pensato di aver sbagliato qualcosa :-D

Forse ci saranno in futuro, forse sono già passati di moda. Ma a parte questo bel lavoro Canonical :-D

Poi ho scoperto che wmctrl non fa il suo dovere :-( Io dipendo da wmctrl :-(

E stavo già per prendermela con Tomas Styblo.

È andata così: una delle opzioni di wmctrl è R che

-R <WIN>             Move the window to the current desktop and
activate it.

ma non funziona in Maverick! Invece di spostare la finestra nello spazio di lavoro (workspace) corrente ti sposta nello spazio di lavoro in cui la finestra è aperta. Per testarla ho creato un semplice lanciatore personalizzato sul pannello superiore, visualizzato in figura.

Ma Tomáš (notati gli accenti?) è innocente! Non è stato lui. E basta una googlata (come farei se non esistesse Google?) e si trovano tutte le informazioni che servono e che possiamo verificare agevolmente

Ecco! Trovato! Mozart e VLC sono sul workspace 2 e non 0 come indicato. Al solito il primo (il più a sinstra) è 0, il più a destra 3; spesso vengono indicati con i numeri 1..4.

Signori di Compiz provvedete: mica posso continuare così ;-)

Credo che Tomáš (quello degli accenti esotici) meriti un post ulteriore per le sue geekerie; prossimamente, forse.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 63 follower