Il blog e lamentazioni sullo stesso

Questo post non è da leggere; serve a me per piagnucolare un po’ dare la colpa a tutto l’Universo Mondo –oltre che a me stesso– per tutta una serie di cose che non vanno come dovrebbero.

Leibniz_HannoverDa un po’ ormai mi sono reso conto che dopo qualche ora non capisco più quello che sto facendo. Che non sono multitasking (nonostante i tentativi) lo so da sempre. Conseguenza: sono sempre più in ritardo.
Mi dico devo fare questo e quello; prendo appunti, salvo URLs e poi: panico! :mrgreen:

Ci sono cose in sospeso da tempo, lo so, vorrei riprenderle, chissà…
Vorrei (credo di averlo detto anche all’interessato) seguire molto meglio il corso di modern C++ di Michele Adduci, commentarlo, ampliare parti che possono sembrare meno evidenti per i niubbi come me ma niente.

Ci sono falsi allarmi, come quello in cui sono incappato recentemente: non essendo tecnologicamente aggiornato sono stato indotto a verificare come vengono viste le pagine web sugli smartphones. Mi avevano detto che ci sono problemi con i miei blog (questo e il Tamburo). Beh, non è come pensavo.

C’è Ubuntu che fa le bizze: per qualche tempo mi compariva un messaggio d’errore misterioso, era la stampante ma ho dovuto scoprirlo da solo; a volte salta fuori un warning dovuto alla rete locale (c’è Windows e altro anche peggio (se possibile)).

L’esame del Common Lisp che sto portando avanti nei ritagli di tempo voglio davvero farlo. E lo faccio a modo mio, scrivo tutti i tentativi che faccio, anche quelli non coronati da successo. Tento di usare il Software Center anche se spesso ci sono incompatibilità di versione. Questo è un problema più generale: dover reinstallare tutto ogni sei mesi; davvero sono necessarie due versioni all’anno?

Ormai sono fuori dal mondo del lavoro, faccio cose ma per diletto. E anche lì ci sarebbe da dire, prendi Matlab. Ci sono alternative. Recentemente un mio contatto di quelli über mi suggeriva Scilab. Uh, ne ho parlato, tanto tempo fa, qui il primo post.
Una googlata e trovo The best Matlab alternative (3).
C’è anche Python con SciPy/NumPy. E altro ancora. Una soddisfazione per me; ma solo mia personale, nèh 😉

Adesso vi dico tutto fino in fondo: lo sapete che a volte (troppo spesso) mi tocca lavorare con Windoze (otto-punto-qualcosa, sette ma anche ics-pi-riveduto-e-corretto).
Gottfried Wilhelm, non hai capito niente, nada, zilch :mrgreen:

Ah! ‘na rob’ancora: mi riservo di cancellare commenti compassionevoli; non prendetevela se del caso.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • srom71  Il 19 gennaio 2015 alle 12:09

    Se avessi portato a compimento la metà dei progetti “in cantiere” per il tempo libero sarei in corsa per premio Nobel e medaglia Fields 😀

  • Walter  Il 19 gennaio 2015 alle 13:51

    Comunque l’universo rema sempre contro 🙂 Regola conosciuta meglio come legge di Murphy.
    Rifarcendomi ad una battuta di Paperino: “La fortuna è cieca, ma la sfortuna ci vede benissimo e becca solo me!”

  • Orlando  Il 19 gennaio 2015 alle 16:05

    Anche io avrei tanti progetti in cantiere. Però … domani è un altro giorno 🙂

  • Theodore  Il 19 gennaio 2015 alle 16:28

    I can relate, come dicono gli inglesi! 😦
    Ho da fare milioni di cose e non riesco a fare manco quelle per cui son pagato.
    Però dai, da quando ho trovato questo blog ad oggi… ho trovato lavoro, son passato da xfce a cwm del tutto configurato (se non erro), ho installato per l’ennesima volta golang, sono quasi riuscito a fare qualcosa di buono con irc in.
    Un passettino alla volta ce la si fa!

  • 61ll35  Il 19 gennaio 2015 alle 19:02

    Avere un mucchio di interessi e non seguirli perchè si ha poco tempo?
    Eccomi qua 😉
    Quando trovo qualche url interessante, me lo salvo,sia la pagina che tra i preferiti sul browser, ma so che è come se facessi cat url> /dev/null!
    Stessa cosa avviene con tw.
    @_juhan per ubuntu io proprio ieri ho fatto un downgrade alla 10.04…
    Per il resto ottimo articolo come sempre, è la prima volta che commento, perchè (ritornando al vecchio discorso)se c’è una cosa che si trovo faticoso è scrivere tanto da mobile.

Trackback

  • Il blog – aggiustamenti | Ok, panico su 22 gennaio 2015 alle 12:09

    […] cattivo umore, ci sto pensando da un po’. Inoltre può essere letto come continuazione di Il blog e lamentazioni sullo stesso, post che mi ha fatto toccare con mano il calore e il supporto dei lettori, grazie […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: