Gilles, Julia & me – programmazione e blog

info-processing

L’amico Gilles mi chiede via Twitter “Come si programma in python il gioco degli scacchi?” completo di link a un tool per giocarci distanza. Cosa che una volta si faceva via mail, snail-mail, quella con il francobollo e tanta pazienza.

Risposta sintetica per Gilles (e tutti quanti): non lo so, non ne ho idea ma credo che in letteratura si possa trovare, per esempio

cbb
anche se arXiv può portare fuori strada

abb

precisare, p.es.: arxiv chess big blue.

Ma ci sono altre due osservazioni che vorrei aggiungere, anche per non dare l’impressione –non corretta– di non saper cosa dire:

  • Python vuole la maiuscola, capisco che Twitter non permette di correggere i cinguettii, la fretta e quant’altro, ma per la precisione;
  • non è questione di Python o meno; il linguaggio di programmazione è un mezzo, serve per implementare l’algoritmo (è da tanto che volevo usare anch’io questo termine, finalmente l’occasione!).

Certo non tutti i linguaggi sono usuali, come non tutti gli attrezzi servono per fare le stesse cose: se uno ha un martello… (inizio-cit.).
Ah! ‘spetta: neanche tutti i martelli sono uguali, vedi Marx (citation needed ma non trovata) e qui.

Sull’algoritmo. In questi giorni personalmente tutto andava storto. Non solo Trump ma anche le specifiche di uno script (troppo semplice per chiamarlo programma) da scrivere –appunto– in Python. Quando ho detto che si poteva fare sono stato precipitoso e incoscente; dovevo leggere le specifiche con molta più cura, sottilineare, prendere appunti sulle cose da chiedere. Strada facendo mi sono perso, ne ho raccontato (e un po’ me ne vergogno) qui.
Anche perché non è vero che tutti i linguaggi di programmazione sono uguali, alcuni sono più uguali degli altri (cit.).

julia

Ma basta con questa roba. C’è anche altro. Julia Evans della quale ho postato qui sta andando avanti.
Anche se non credo basti per diventare un über-nerd come lei il suo nuovo blog e i suoi tweets aiutano. Vedi qui, qui e qui.
La lovvo e se non fossi timido che lo direi (diressi?).

:mrgreen:

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: