Cancellare i cinguettii

unav
Ogni tanto mi lamento anch’io. E provo a prendere provvedimenti; poi mi dimentico e torna tutto come prima e posso ricominciare a lamentarmi.
Adesso vi spiego.
cit. & loll vive (principalmente) di cit., a volte LOLlose, a volte no e per invogliare i click mica scrivo il cinguettio tutto intero, specie se senza immagine collegata.

La scadenza settimanale si presta male con i tempi di Twitter. I messaggi invecchiano rapidamente, subito-subito. Io salvo quelli che finiranno nella telenovela in un file di testo, codificato con specifiche ad hoc (quella di visto nel Web) ma devo farlo al volo, capita invece che a volte sto facendo altro, mi dico che lo faccio poi e la memoria (mia)…
Peggio quando l’autore del tweet lo scancella: se c’era un link è perso. E per come faccio le cose non lo saprò. Mai. E neanche voi affezionati lettori; mooolto male perché le due rassegne (visto nel Web e cit. & loll) sono le pagine più viste del blog.

Questa settimana ho subito ben due scancellazioni. Una era probabilmente relativa a un’immagine lollosa, poco male; forse per problemi di copyright. L’altra invece è di un tweep di solito molto informativo. Sono andato a curiosare la sua tweetline e non l’ha rimpiazzato (almeno confrontando le date).

Attivo un nuovo protocollo, finché non me ne dimentico, di mettere il like a tutti, copiare interamente il testo, link compreso. Chissà se…

Perché –quando si dice la combinassione combinazione (auto-cit.)– oggi due segnalazioni über, molto diverse fra di loro ma entrambe importanti (assay, secondo me).
Anche perché dice etorreborre I just deleted an article saying “Reduce online distraction” 🙂

C’è anche un qualcosa di personale, oltre al fatto che sono vecchio e non aggiornato, che ha dato il via a questo post.
Una delle esigenze per sopravvivere è di limitare le cose che si devono sapere. Per esempio i linguaggi di programmazione. E allora si fa tutto con CSS e JavaScript o tutto con Java o tutto con Python o tutto con Octave o … Ecco l’elenco è troppo lungo 😦
E decide il capo; teh boss ha sempre ragione. Allora non posso rischiare di perdere questo tweet di John D. Cook: Caught between pointy-haired bosses and pointy-haired academics.
Punta a un post di maggio 2002 😀 attualissimo. OK, qualcosa è cambiato ma sono passati più di 14 anni! sul Web! 😀
Ah! siccome non si sa mai è questo qui: Revenge of the Nerds.

Completamente diverso ma da leggere –volendo– anche il suggerimento di
The Practical Dev: My Google Internship. Punta qui: My Google Internship. Il giovane Peter è troppo entusiasta? chissà! Però è bravo 😀

Uh! proprio ora un proclama, da studiare a memoria e ripetere spesso: A great Programmers Oath.
Per evitare che si perda (o FSM non voglia) venga scancellato copyoncollo l’immagine.

oath
:mrgreen:

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: