Category Archives: Autopubblicità

Racket – ahemmm: PR 15131

(((r)))Problem Report: 15131 — fixed! prima di subito, bravo il team della variante Lisp più sexy dell’universo.
Dalla segnalazione alla prima risposta sono passate poche ore, sapete il fuso orario. Ed era domenica d’agosto, afosa (almeno qua). E il giorno dopo tutto risolto.
rep
Posso blagare pavoneggiarmi un po’? dai solo ‘na frisa un pochino ma questi sono i miei 15 minuti (circa, il tempo è relativo) warholiani di celebrità.

View Problem Report: 15131

&

root / plt / commitdiff

cioè:

l’azione intrapresa sulla documentazione è:

1

ma mi permetto di segnalarvi l’efficienza e tempestività di PLT

2

(l’immagine è purtroppo macchiata da una riga rossa che non sono riuscito a rimuovere).

😀 😀 😀

Forse non tutti sanno che 15131 è primo, vorrà dire qualcosa? Boh!? 😉
OK, sono serio; tutto normale; e domani lezione, come al solito :mrgreen:

Il blog – aggiustamenti

magalli-presidente-della-repubblica-770x512Oggi, grazie a Micro$oft, c’è stata la classica goccia che fa traboccare il vaso, o la paglia che –povero cammello, non riesco nemmeno a scriverlo 😥
Non è solo cattivo umore, ci sto pensando da un po’. Inoltre può essere letto come continuazione di Il blog e lamentazioni sullo stesso, post che mi ha fatto toccare con mano il calore e il supporto dei lettori, grazie 😀

Allora –venendo al dunque– ieri c’è stata la presentazione di Windows 10. Con tante meravigliose meraviglie, roba che io (sono vecchio) manco riesco a immaginare, davvero.
E qui la decisione: sull’argomento non riporterò neanche un link nella telenovela domenicale Visto nel Web. Per diveersi motivi, i principali sono:

  • uso quasi solo Linux, a volte smanetto un po’ con Windows ma solo se costretto (per esempio configurare script (Python));
  • sono cose che ancora non ci sono, vedere tappeto, prima;
  • c’è un blog (OK, più di uno ma pubblicità qui) che sembra fatto proprio per quello, OpenFreeMan Blog.

Sempre per la telenovela (quelli sono i post più visti) sono ormai indifferibili alcuni aggiornamenti:

  • meno immagini lollose, meno immagini in generale (anche se qualcuno guarda il post solo per quelle);
  • come promesso (più volte) cercherò di indicare da dove vengono le immagini (quando possibile, le raccatto ontehtoobz);
  • notizie su smartphones e dispositivi similari solo se davvero importanti;
  • NSA, spionaggi vari (credo siano importanti quelli industriali anche se se ne parla poco), cyberwars e simili, censura del Web: ne parlerò di meno, non è che non sono importanti o non m’interessano ma ne so poco;
  • ci sono tanti linguaggi di programmazione, magari li segnalo ma finisce lì, manca il tempo per provarli;
  • ci sono blog meravigliosi, li segnalerò una volta sola (salvo eccezioni), forse è il caso di creare un blogroll;
  • il Lisp è il mio hobby, forse a volte sono poco serio o criptico o pasticcio troppo ma quei post sono le mie note, in diretta, nei momenti di relax; li posto per tenerne una traccia, per quando sarò vecchio;
  • interfacce grafiche, sì c’è richiesta, ma non sono aggiornato;
    altri linguaggi sexy (Java, JavaScript): manca il tempo e sarebbe una cosa impegnativa;
  • no, niente Windows e cose non freeware (Delphi, Visual Basic);
    niente C++, se si inizia a parlarne non finisce più, poi ci sono già altri che lo fanno;
  • IDE, Emacs, vi(m) e simili: sono vecchio;
  • ci sono blog che scompaiono, senza nemmeno salutare, altri che postano pochissimo, altri dati per scomparsi a volte risorgono –grande confusione nella blogosfera;
  • sono sempre alla ricerca di collaboratori, c’è gente über, per esempio Stefania rockz.

Prossimamente una pagina con blogroll su cose tipo Go, Rust e blogger di quelli che davvero –ahemmm, esempio: Connor Johnson (cito lui perché è fresco di giornata).

Aspetto suggerimenti, critiche, insulti whatever 😉 👿 😈 :mrgreen:

Nel ’14 e propositi per il ’15

Il signor WordPress ha già esaminato cosa è successo in questo blog. Secondo lui.
Ma io la vedo un po’ diversamente, diciamo dall’altra parte del monitor. Forse ‘nteressa qualcuno oltre che a me, anche perché nuntio vobis, gaudium magnum, ecco cosa voglio fare nel nuovo anno, probabilmente… forse…

wpIntanto alcune osservazioni relative al 2014.
70 mila visite, non male, cresciute rispetto alle 60 mila del ’13.
Però una cosa: rinnovamento nella continuità come la lista che ha vinto le lezioni elezioni qui da noi: gli argomenti più commentati sono sempre gli stessi, il C++ e Python 2/3.
Anche se i post di gran lunga più visti e attesi sono altri, quelli della telenovela Visto nel Web. Che a rigore non sono miei, mi è sufficiente copiare gli url delle pagine che mi piacciono (arrivano anche suggerimenti, proprio adesso uno, grazie Stefania!) in un file e impaginarli (in automatico (quasi)) alla domenica mattina. Ma funziona e poi, si sa, ne sono consapevole, quelli citati scrivono cose molto migliori delle mie. Ho le mie fisime (no, non so esattamente cosa voglia dire, L. mi ha detto che è OK) metto quello che mi piace, trascuro interi settori, per esempio il mobile e l’HTML (e dintorni). Mi sa che continuerà.

keep-fightingNel corso dell’anno ho iniziato e interrotto diverse cose: Matlab/Octave (magari lo riprendo), Mathematica/Matics (appena posso lo riprendo). Per gli altri linguaggi dai c’è tanta roba in giro, forse, ma prima il Lisp che mi sta impegnando parecchio ma ci sono gli aiuti (uno proprio oggi, grazie Orlando!).
L’interesse per il Lisp viene dal passato, diciamo anni ’80 con GEB di Douglas Hofstadter, ne ho anche raccontato nel blog. Però il Common Lisp non l’avevo mai affrontato seriamente. E non è facile; è diverso per sé ma anche perché ultimamente con la OOP … E poi adesso la programmazione funzionale (si usa FP? si capisce?). Ma servirebbe per cose diverse da quelle con cui mi arrabatto: niente mobile, niente cose per il web.
Ah! non uso Windows. L’ho usato per parecchio tempo per lavoro ma basta. E quindi niente Delphi (adesso pare che si usi parlarne malissimo), niente Visual Basic, niente C#. Anche se gente con cui collaboro (sempre meno, sono vecchio) è parecchio legata a Windoze. Ragione in più per usare FOSS disponibile su entraambe le piattaforme, p.es. Python. Altre cose appartengono definitivamente al passato, come il Fortran (sigh!) e Gnuplot (sigh!).
L’interesse per il C++: bello, meriterebbe. Ma –quando si dice la combinazione– è appena iniziato un corso, ottimissimissimo, di Michele Adduci sul blog di Luigi Bit3Lux (sì quello di Lubit), qui: Corso di Modern C++.

Ci sarebbe Go, intravisto in passato, pare stia migliorando, se trovo il tempo. Idem per Rust, dovrebbe essere stabile ormai. E un paio di linguaggi che forse ma adesso non dico niente. Devo essere più prudente, prendi Matics doveva esserci Gigi ma la scuola… 😳

E poi, chissà, un conto sono i propositi ma sapete che prediction is very difficult, especially about the future (cit.).

Ah! se volete collaborare siete benvenuti 😀
Per intanto auguri di buon anno 😀

2013 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The concert hall at the Sydney Opera House holds 2,700 people. This blog was viewed about 60,000 times in 2013. If it were a concert at Sydney Opera House, it would take about 22 sold-out performances for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

Uh! naltra cosa: un minicorso di Python

Ecco, io sono in ritardo su tutto (ma è il mondo che corre troppo veloce) ma sono entrato in un’altra avventura: un minicorso di Python, semplice-semplice, davvero.

Trovate qui la prima puntata: Mission python: L’installazione.

OK! devo dirvi tutta la verità, tanto prima o poi lo scoprireste da soli: il corso è principalmente di Luigi e Ennio, io fornisco un supporto tecnico. E anche il blog (o i blog, non me l’hanno ancora detto, anzi me l’hanno detto più volte ma sapete che sono un po’ lento di comprendonio) su cui viene pubblicato non è il mio.


Come Einstein insegna “Chi ben comincia è a metà dell’opera” per cui chi vuole può arruolarsi e chi è indeciso legga per intanto la presentazione, poi chissà, “da cosa nasce cosa” (sempre Einstein).


Ecco, niente di speciale ma ci tenevo a farvelo sapere. Anche perché Luigi e Ennio sono persone –come si dice, ah sì- cool. Davvero.


Ci vediamo di là. Se volete, nèh, nessun obbligo.