Divagazioni pythoniane: frazioni continue

Davvero non so come cominciare. Ma una rassicurazione prima di tutto: sto bene; e posso smettere quando voglio. Anzi mi sta già passando. Finisco il post e torno quello di sempre.
Ma intanto è meglio se vi racconto tutto.

SID-244-Revelli-S-800x800Recentemente mi sono preso una cotta di quelle toste per quel libro, ne ho parlato diffusamente nell’altro blog, quello più vario e meno serioso, diffusamente ma principalmente qui.
Dal libro sono passato al mio ing. preferito, Archimede e googlando sono capitato sul sito di un prof canadese di Parigi, Ilan Vardi e di lì alle frazioni continue.
Sì, completamente perso; tanto il ritardo è talmente tanto che cambia poco. Ecco le frazioni continue non le avevo mai considerate. Fino a oggi. Per esempio prendi π, si può approssimare così:

pi-vardi

E poi scriverlo in questo modo π ~= [3, 7, 15, 1, 292, ...]. E da questo tornare a calcolare il valore decimale. Adesso lo faccio, mi son detto. Ma c’è Google. E John D. Cook che ha già fatto tutto, ecco il suo post: Rational approximations to e.
John è davvero bravo, con piccolissime modifiche, sostituire pi a e (righe 2, 4 e 26) e il codice è pronto (pijdc.py):

from __future__ import division
from math import pi

pi_frac = [3, 7, 15, 1, 292, 1, 1, 1, 2, 1, 3, 1, 14, 2]

def display(n, d, exact):
    print n, d, n/d, n/d - exact

def approx(a, exact):
    # initialize the recurrence
    n0 = a[0]
    d0 = 1
    n1 = a[0]*a[1] + 1
    d1 = a[1]

    display(n0, d0, exact)
    display(n1, d1, exact)

    for x in a[2:]:
        n = x*n1 + n0 # numerator
        d = x*d1 + d0 # denominator
        display(n, d, exact)
        n1, n0 = n, n1
        d1, d0 = d, d1

approx(pi_frac, pi)

pijdc

Bello vero? Adesso uno la frazione continua potrebbe anche calcolarsela ma c’è il web. Sempre da John ecco OEIS.

Uh, c’è il sorgente per Mathematica: ContinuedFraction[Pi, 98], da provare. Il fatto è che Mathematica è onerosa, dovrei fare un salto al Poli, chiedere a una delle mie vittime … ma c’è un modo più semplice: WolframAlpha online.

mathe

Cosmico! Se fossi ricco Mathematica sarebbe mia!
Ma aspetta, c’è un clone free, devo riprendere Mathics, appena ho la macchina nuova e smaltisco l’arretrato…

Visto nel Web – 153

Se dicessi che sono in ritardo sembrerei ripetitivo; quindi non lo dico. Vi dico invece cosa ho visto nel Web.

B0LFWC3IEAEX_rV

How Spurious Wikipedia Edits Can Attach a Name To a Scandal, 35 Years On
::: Slashdot

Ex-NSA Director Keith Alexander’s Investments In Tech Firms: “No Conflict”
::: Slashdot

Snowden’s Tough Advice For Guarding Privacy
::: Slashdot ::: TechCrunch

10696318_894311067248281_5419108972982885056_n

La storia e i media siamo noi
bellissimo; cioè detto benissimo anche se si tratta di una cosa brutissima (sì abuso di superlativi, ma quando ci vogliono ci vogliono)
::: Sergio Gridelli

Neutralità della rete al dunque
::: il Sole 24 Ore

1474573_369318729891222_117953378942204223_n

ARM A32 Assembly – Un’introduzione
ebbene sì! c’è ancora chi –invidia
::: ElectroYou

What Programmers Say vs. What They Mean
::: 9GAG

The Cult of Elon Musk Shines With Steve Jobs’ Aura
forse OT, forse no (si può dire IT?)
::: Slashdot

Maghetta Iaia è la mia preferita

Maghetta Iaia è la mia preferita

Un paio di “decaloghi” di previsione Gartner
::: ElectroYou

La spinta a una Magna Charta collaborativa e inclusiva
::: il Sole 24 Ore

With This Tiny Box, You Can Anonymize Everything You Do Online
::: wired

993810_769064663150416_629681758200439047_n

Linux Day 2014
::: Linux Day 2014

Google Rejects 58% of “Right To Be Forgotten” Requests
::: Slashdot

Una Costituzione per Internet, un ricostituente per l’Italia
::: Sergio Gridelli

s1

QuickEdit, l’editor di testo per programmare da smartphone e tablet
::: AndroidWorld

Nobel Peace Prize Winner Malala Yousafzai Urges Girls To Participate In Code.org’s Hour Of Code
::: TechCrunch

Una Costituzione per la Rete, ecco la bozza punto per punto
::: la Repubblica ::: BodySpaceSociety ::: Punto Informatico ::: Luca De Biase

Bz4P4GEIQAA1VOp

Kernel Recipes 2014 – The Linux Kernel, how fast it is developed and how we stay sane doing it
::: slideshare

LinuXP Lubuntu LTS si veste da Windows XP
::: lffl

192 Free eBooks On Various Programming Languages
::: EFYTimes

1555407_1493103827624562_4148298070692633252_n

Why Everyone Hates Go
::: Nate Finch

First Demonstration of Artificial Intelligence On a Quantum Computer
::: Slashdot

Edward Snowden: It was worth it
::: Politico

wi-fi

After Negative User Response, ChromeOS To Re-Introduce Support For Ext{2,3,4}
::: Slashdot

Il grande esodo
::: Sergio Gridelli

Introduction to NumPy and Matplotlib
::: nbviewer

catastrofe

mitico Jake!
showing how to code *Fortran* interactively
::: Twitter

Il mio paese ha una torre, una torre normanna
Lubit rockz!
::: Twitter

FBI Director Continues His Campaign Against Encryption
::: Slashdot

10701947_707304312685889_5672285381109692684_n

On Error Handling in Rust
::: Armin Ronacher

How Bad Is Your Colormap?
::: Pythonic Perambulations

gasparri su twitter. jpg

Wikipedia, a Professor’s Best Friend
::: The Chronicle of Higher Education

Obama soccorre i sostenitori della net neutrality!
::: Luca De Biase

10472841_724249424309983_7821037320881329434_n

Material Design Icons
::: github

Zeal
Zeal is a simple offline API documentation browser inspired by Dash (OS X app), available for Linux and Windows.
segnalato da Gilles, prossimamente…
::: Zeal

B0GgtX3CIAAm8Ez

Con Python attenti al tipo

turboDisperazione pythonistica. Alle volte per fare in fretta si perde un sacco di tempo. O forse sono io (in questo caso non proprio io) che manco di metodo. Adesso vi racconto di un problema di traduzione, riscrivere in Python un programmino semplice-semplice. Tanto semplice che si sono aperte due finestre dell’editor e si è tradotto letteralmente. Non ha funzionato. Eppure a mano, rifacendo i conti (lunghetti) del sorgente Python era tutto OK. Naturalmente non ho pensato subito che il problema è che Python è troppo intelligente e pretende di capire al volo quel che hai in mente. In questo caso il tipo di dato che gli stai passando.
Adesso vi racconto con un esempio minimo, se ci sono in giro distratti come me noi, forse può servire.
Nei dump del terminale che seguono sono in neretto le risposte di Python.


Python 2.7.6 (default, Mar 22 2014, 22:59:38) 
>>> d = input("dato: ")
dato: 12
>>> d
12
>>> print d
12
>>> type(d)
<type 'int'>
>>> d = float(d)
>>> d
12.0

Naturalmente si può scrivere:


>>> d = float(input("dato: "))
dato: 12
>>> d
12.0

Fin qui tutto bene, il dato può essere letto da file. Vediamo cosa succede elaborando:


>>> d = input("dato: ")
dato: 12
>>> r = 100 / d
>>> r
8
>>> s = 10 / d
>>> s
0
>>> import math
>>> math.log(r)
2.0794415416798357
>>> math.log(s)
Traceback (most recent call last):
  File "", line 1, in 
ValueError: math domain error

Primo problema: con la versione 2.x “/” effettua la divisione tra interi e il risultato forse non è quello voluto, in questo caso il logaritmo naturale, sbagliato nel primo caso e non definito nel secondo.
C’è un ulteriore problema: da parecchio tempo (diciamo sempre) di Pyhton coesistono due versioni, la 2.x e la 3.x. Per tantissime ragioni (oltre alla pigrizia) non si è deciso quale adottare una volta per tutte. Oltretutto c’è il fatto che qualche modulo (wx) non esiste per la 3.x.
Le stesse operazioni di prima con la nuova versione:


Python 3.4.0 (default, Apr 11 2014, 13:05:18) 
>>> d = input("dato: ")
dato: 12
>>> d
'12'
>>> type(d)
<class 'str'>
>>> d = float(d)
>>> d
12.0
>>> r = 100 / d
>>> r
8.333333333333334
>>> s = 10 / d
>>> s
0.8333333333333334
>>> print d
  File "", line 1
    print d
          ^
SyntaxError: invalid syntax
>>> print(d)
12.0
>>> import math
>>> math.log(r)
2.120263536200091
>>> math.log(s)
-0.1823215567939546

OOPS! sono cambiate parecchie cose:

  • input() restituisce una stringa, questo rende obbligatorio il cast non solo per i float ma anche per gli int, peraltro il codice è compatibile per le due versioni;
  • /” restituisce sempre un float, in questo caso i valori sono quelli previsti ma è da valutare con attenzione (esiste “//” per la divisione tra interi);
  • print() è adesso una funzione, non un’istruzione come nel 2.

In realtà sono problemi ampiamente noti, tanto che esistono i meccanismi per conviverci, ecco per print:


Python 2.7.6 (default, Mar 22 2014, 22:59:38) 
>>> from __future__ import print_function
>>> print d
  File "", line 1
    print d
          ^
SyntaxError: invalid syntax
>>> print(d)
12.0

Importando print() dal modulo __future__ la versione 2 si comporta come la 3; e la 3:


Python 3.4.0 (default, Apr 11 2014, 13:05:18) 
>>> from __future__ import print_function
>>> d = 12.0
>>> print d
  File "", line 1
    print d
          ^
SyntaxError: invalid syntax
>>> print(d)
12.0

OK, non si lamenta di un istruzione inutile. E per il resto? Fare più attenzione a quello che si fa; e testare tutto.
2to3

Disastri XPocalyptici

zombies_aheadAncora un po’ e mi viene lo s-cioppone! E sarebbe la fine del blog. Ma adesso mi calmo e vi racconto tutto per bene, anche se comincio dalla fine.
Ieri sera mi trovo questo post: Windows 10: The biggest problems, gripes, and missing features so far che ha completato una giornata disastrosa.

Un memo per me e per tutti: Extreme Tech non sempre è affidabile, forse neanche questa volta. Un milione di installazioni della preview di Windows 10, due terzi delle quali non in virtual machine. Mah, coraggiosi, o peggio. Imho.
L’articolo poi suddivide gli utenti tra light e heavy; come fa? Microsoft controlla? o è una supposizione? o un tirare a indovinare?
Poi prosegue con un elenco di lamentele, qualcuna davvero come dire –lo s-ciupun, non lo dico.

Per quel che mi riguarda la realtà è un po’ diversa: parecchi continuano a usare XP e davvero non ho capito perché questo blocco al 2001 e perché Microsoft li abbia abbandonati. Altri sono passati a Sette, saltando Vista e ignorando Otto-punto-qualcosa.
Ma non tutti. Chi compra un PC nuovo spesso non può scegliere. Anzi Windows 8 viene messo come se fosse una chicca. Tanto poi in qualche modo le cose si aggiustano.

Più grave (spero sia una cosa che è capitata di sentire solo a me) sul nuovo portatile manca Office! M$Office non fa parte del sistema operativo, devi comprarlo a parte. Sì, avresti dovuto anche sul vecchio PC. Non l’hai fatto? o non te lo ricordi o –ahemmm, lo s-ciupun.
Va a finire che l’amico nerd (conosciuto come tecnologico) ti installa Libre Office, cosa commendevole. Ma saltano comunque fuori problemi di compatibilità con i vecchi superstiti con Office Anteguerra e con i nuovi e con chi si dimentica di salvare come si deve (o dovrebbe). Non parlo dei font sempre per via dello s-ciupun. E neanche di PowerPoint.
Excel: è una delle divinità più seguite e crudeli, quante vittime!

C’è di peggio: i virus. Spesso sulla macchina nuova c’è un antivurus in prova che scade troppo presto e allora minacce tipo “lo sai che sei a rischio di cose molto più brutte di quanto tu riesca a immaginare?”. Se chiudi la finestra ne appare un’altra con “io ti ho avvisato, nèh!”.
Pare che la stessa cosa capiti se non c’è nessun antivirus, ma non ho indagato. È comunque normale chiudere qualche finestra minacciosa a ogni boot, lentissimo. Come pure lo spegnimento.

Ecco adesso dovrei raccontarvi dei video ma c’è lo s-cioppone in agguato. Magari un’altra volta.
funny-pictures-cat-sees-many-zombies-from-window-jpgInvece, anche oggi è già stato ritwittato: Why Everyone Hates Go.
A Nate Finch autore del post, Go piace. A me anche. A altri no e si lamentano che non è sexy. Secondo me lo fanno apposta per farmi inkatsare nero. E ci stanno riuscendo.

Insomma ieri una giornata no. Oggi non mi muovo di casa, non vorrei mai che, sapete tra due giorni c’è venerdì 17.

Visto nel Web – 152

OOPS, già domenica! Secondo me questa è stata una settimana fallata, anche se sembra che sia davvero domenica; indagherò ma intanto ecco cosa ho visto nel Web.

nziill
Cabine di Londra
::: Google+

Install and Use nmon Tool To Monitor Linux Systems Performance
::: NixCraft

Linux: Keep An Eye On Your System With Glances Monitor
::: NixCraft

tumblr_inline_ncoe7ig6b41qb25dg

Bill Gates: Bitcoin Is ‘Better Than Currency’
::: Slashdot

The Single Vigilante Behind Facebook’s ‘Real Name’ Crackdown
l’asino vola …
::: Slashdot

Manjaro: a fast, user-friendly, desktop-oriented operating system based on Arch Linux
::: The Ubuntu Incident

BzHN--uIcAEIQoN

Temi di Firefox su LibreOffice
::: OS)(SIDE

Digitale europeo, neutralità e investimenti nella rete
::: Luca De Biase

C Programming
chissà se questi tutorial funzionano?
::: I am Programmer

352345230_743cb17738

20 anni con Linux – considerazioni di parte
::: Informatica Libera Antonio Cantaro

The best thing about pregnant women is the free Wifi
::: Twitter

Make your smartwatch even less useful by installing Windows 95
::: Ars Technica

BzKZddbIcAALbEN

Perché i MOOC potrebbero rendere obsolete le Università
io sono per il rapporto vis-à-vis con il docente ma sono vecchio…
::: Giuseppe Granieri

Adobe Announces New 3D Printing Features for Photoshop CC
::: 3DPrint

thebest

One In Three Jobs Will Be Taken By Software Or Robots By 2025, Says Gartner
::: Slashdot

Dispositivi USB vulnerabili
::: SIAMO GEEK

Lo strano caso di Sondra Arquiett
::: Luca De Biase

gesu ti chiama

La scienza aperta dall’open source
::: il Sole 24 Ore

SPHINCS: practical stateless hash-based signatures
::: SPHINCS

Indico
The Indico tool allows you to manage complex conferences, workshops and meetings.
::: Indico

BzUden5IIAAdpGe

BASH Frequently Asked Questions
::: Greg’s Wiki

Hackerando la Macchina Ridotta
::: HMR

GNOME 3 Winning Back Users
::: Slashdot

iphone6-uses

US Says It Can Hack Foreign Servers Without Warrants
::: Slashdot

L’insostenibile evanescenza della privacy
mah…
::: la Stampa

Il DRM di Adobe spia gli utenti
::: SIAMO GEEK

Rafajel Mantesso

Rafajel Mantesso

Kano il PC basato su Raspberry Pi finalmente disponibile
::: oneOpenSource

This map shows every device in the world that’s connected to the internet
::: Twitter

Wheeler: Shellshock
::: LWN

10645327_284079721790975_8968368677742310035_n

Building Web Apps with Go
Learn how to build and deploy web applications with Go
::: GitBook

What’s Been the Best Linux Distro of 2014?
non commenterò; e –forse– cancellerò i commenti troppo da fanboy
::: Slashdot

The Malware of the Future May Come Bearing Real Gifts
::: Slashdot

BzfX6KEIEAA3xV3

Eric Schmidt: Anxiety Over US Spying Will “Break the Internet”
::: Slashdot

I’ve gone through this
::: Twitter

Risorse utili per Latex
non nuovissimo ma fondamentale
::: Prima o poi

sysadmin-life.001

15 funzioni poco conosciute dei più famosi social network
::: Ninja Marketing

The Windows tax fight is finally over: Buyers can get a refund on their Microsoft OS in Italy
::: ZDNet

Rich Command Shells
::: Notes from a Wayward Monkey

10414629_782340548507341_1316622281971985181_n

Microsoft’s Quantum Mechanics
troppo lungo; chissà se …
::: Technology Review

Finding Ada: la prima programmatrice rivive in un convegno a Torino
::: Linguaggio Macchina

Where Intel Processors Fail At Math (Again)
::: Slashdot

tumblr_fake_science

Diffamazione sul web: le solite tristi storie
e manca ancora Pisanu
::: manteblog

Core Secrets: NSA Saboteurs In China and Germany
::: Slashdot

BzD2CI7CYAAPkj0

Il PC è superato?

1 the perfect deviceNo, non è come sembra. Qualcosa di completamente e totalmente differente, leggete e mi darete ragione.
Forse; o forse mi direte dove sbaglio e mi corrigerete (cit.).
Prima però una premessa: in questi giorni (e durerà ancora un po’) sono alle prese con cose non bloggabili, noiose ma che vanno fatte (ho detto che le avrei fatte e devo farle) per cui niente post impegnativi. Ancora, certe cose iniziate ho trovato che mi dice “lo sto facendo io” e allora sono in stand-by; poi vedremo.

Ma una cosa devo proprio dirla, non è uno sfogo, anzi se qualcuno mi da una dritta benvenuto e grazie fin d’ora.
Sto cambiando PC, quello attuale, quello da cui sto scrivendo questo post sta morendo. È vecchio ma andrebbe ancora bene se non che… sapete gli acciacchi dell’età. E lo sostituirò prestissimo con un altro desktop molto simile a lui, un’evoluzione dello stesso concetto. Siccome sono (quasi) sempre a casa un portatile non è competitivo, mi piace la testiera come una volta, le casse come adesso (sì, sono vecchio anche come gusti musicali) e anche il monitor (ma terrò quello attuale). Forse l’ho detto troppo in giro. Non che non voglia sentire consigli, anzi, benvenuti. Ma entro certi limiti.
C’è chi ha abbandonato il ‘puter come lo conosciamo dagli anni ’80! Sostituito da smartphone, tablet, aggeggi vari di cui manco so il nome. Ma è possibile? Metti che devo scrivere un documento che se viene stampato (e prima o poi verrà stampato, se non viene considerato privo di senso cancellato subito) occupi un paio di pagine, magari accompagnato da qualche grafico o immagine o tabella ecco il mio device ultra-nuovo diventa scomodo. Non ce la faccio a usare solo i pollici per scrivere (sì, li ho opponibili, che credete, ma mi servono più dita, almeno sei). E quando scrivo prendo pezzi li sposto, torno sui miei passi cambio una parola, correggo un errore d’ortografia (sì, poi il risultato è quello che è ma lo faccio davvero; dovreste vedere la prima stesura e inorridirete!).
E poi se fai qualcosa di programmazione (anche semplice, io sono un pythonista, tendenzialmente) spesso serve una finestra del browser web aperta, la memoria è quella che è (la mia, non quella del ‘puter). E serve anche la finestra del terminale, quella che una volta era tutto quello che il computer, usato in time-sharing, era tutto quello che vedevi.
Ecco, altro punto di discussione: io sono per Linux. E non mi sembra che il sistema operativo del nuovo mezzo sia già pronto. E anche se poi quello che faccio va a finire su Windows (spesso ancora con il defunto XP) non cambio, non ce la farei. E no, non credo sia giustificato e degno di attenzione l’entusiasmo continuato dei fanboy di quelli là.

Sbaglio? Dove?

Programmazione nella Scuola Primaria – 12

foto classeLa serie di post sulla scuola non so se sia stata molto corretta. Un paio di prove so che sono state fatte; Windows rende difficile le cose semplici, io sono vecchio e il mio approccio non è quello di chi ho sentito. Ma d’altronde giocavo fuori casa. E il blog si occupa di altro; l’unica insegnante (peraltro ex) che ho aiutato a provare ha detto “sì ma…”.
Ho sentito anche altre proposte da genitori e studenti un po’ più grandi, le più varie, non le riporto, ci sono altri posti per enunciarle. Dico soltanto che non mi sembra che lo smartphone sia il mezzo più adatto. E lo stesso per fare siti web. Ma, ripeto, non è il mio campo.

Però qualche link per concludere. Roba incontrata quasi senza cercarla, non provata, chissà se funziona.

Uh! il terzo link è altamente raccomandato. I Laboratori di Paolo Alessandrini, Mr. Palomar! Io se fossi in voi chiederei a lui. Anche per i Pink Floyd ma quella è un’altra cosa.

IMGP2114%20Small

Aggironamenti

1 – L’amico Vinnie segnala un sito davvero bello, Programmer’s Learning Machine.
2 – Un Alberto segnala nei commenti un progetto interessante, anche se mi sembra piuttosto impegnativo: Kano, anche i bambini possono costruire un PC.

Bello questo arrivo di segnalazioni anche se avevo considerato chiusa la serie. Continuate, io aggiorno.

Visto nel Web – 151

Questa settimana niente di nuovo (già raccontato tutto nei post precedenti). Ah! sì: la nebbia, come l’anno scorso. Intanto ecco cosa ho visto nel Web.

linux2Preconsultazione sull’interoperabilità delle piattaforme
::: Luca De Biase

Aspetta, iOS 8, rifammi la domanda lentamente…
::: Twitter

Proof that engineers are not purely functional
::: Twitter

Arte Religiosa XXI sec.

Arte Religiosa XXI sec.

The birth of the web
post vecchio ma bellissimo; anche in italiano
::: Doc Madhattan ::: dropsea

List of the best resources to learn the foundations of Artificial Intelligence
::: Digital Mind

Si presenti!
“migliaia di presentatori fanno poltiglia delle facoltà intellettuali di incolpevoli platee” (cit.)
::: Sergio Gridelli

ByncOnECEAQnA6Y

Web Software vs. Native Linux Software
::: Datamation

LibreOffice, un viaggio infinito
::: Computerworld Italia

Dizionario on-line da bash con curl
::: Ant1

10653372_10152497270299748_2747665008474612879_n

Microsoft passa da Windows 8 a #Windows10
::: Twitter

Let’s talk about performance
::: ubuntu developer

Linux Foundation Announces Major Network Functions Virtualization Project
::: Slashdot

Bys3T2NCEAAyILb

Hong Kong Protesters Use Mesh Networks To Organize
::: Slashdot ::: Engadget

#Windows10 A questo punto mi sembra ovvio che il miglior OS
::: Twitter

Arducorder, Next Open Source Science Tricorder-like Device, Nears Completion
::: Slashdot

Byva63YIcAAD9Qq

Di nuovo su systemd
mitico!
::: GNUrants

stampante 3D di Arduino
::: Digtalic

sml-family.org
::: Lambda the Ultimate

sps-75-game-development-pakistan

6 cose su Ello. E sul perché non è Facebook
::: Giuseppe Granieri

Non so che caratteristiche avrà #Windows10
::: Twitter

Windows 10: Familiarity breeds contempt
::: ExtremeTech

156083_10202705832195614_8500630178272416176_n

Leaked Docs Reveal List of 30 Countries Hacked On Orders of FBI Informant Sabu
::: Slashdot

A Fresh Look at Rust
::: Armin Ronacher

Ubuntu phone in arrivo a dicembre
::: Wired

1970703_795335417190584_7672355100706983867_n

Era il 1959 e Adriano #Olivetti
::: Twitter

PY2 users: do yourself a favor
::: Twitter

Digital VAX 11/780 (1977)
::: Twitter

By1tRHwIAAEHqIe

Samsung Galaxy Note 4 Endures the Gluteus Maximus
LOL samsung :shock:
::: YouTube

Una Costituzione per Internet, un ricostituente per l’Italia
a me viene in mente Pisanu
::: Sergio Gridelli

Google Threatened With $100M Lawsuit Over Nude Celebrity Photos
ma allora Apple…
::: Slashdot

se ritrovo l'URL lo metto

se ritrovo l’URL lo metto

JPMorgan: cyberattack stole contact info for 76 million households
::: Engadget

L’app dei manifestanti a Hong Kong si chiama FireChat: funziona (anche) senza internet
::: etalia

Scientific Linux
::: Amministrazione Libera

10712790_854239234596033_3433313535949840961_n

15 years of whois
::: Md at debian

The Unpatchable Malware That Infects USBs Is Now on the Loose
::: wired

Facebook Ready To Get Into Healthcare
a me sembra una pazzia, ma vedremo
::: Slashdot

10552503_750326011673069_4504921178758938117_n

GitHut – A small place to discover languages in GitHub
un retweet di Gianluca Fiore
::: GitHut

Feedly unveils collection sharing, public aliases and profiles
::: The Next Web

JP Morgan Chase Breach: Shades of a Cyber Cold War?
complottismi o stanno arrivando tempi interessanti?
::: Slashdot

rb

1-2-3 & nostalgia

n8Forse è la stagione, forse un’influenza ‘strologica, forse nostalgia, forse –chissà! Ma capitano tutte assieme tante notizie affini su un argomento che mi affascina da sempre. E allora devo parlarne. Al solito: leggete solo se volete, nèh!

Riguardo la preistoria dell’informatica questo post: Early Digital Research CP/M Source Code.
Il CP/M, sì usato. Era estremamente limitato per me che venivo da macchine infinitamente più costose. Ma la cosa che non sapevo è che non era scritto in assmebler (si dovrebbe dire “assembly”) ma in PL/M, una versione semplificata di PL/I dove la “I” sta per 1 (“one” o “uno”? dipende da come leggi “PL”).
Notare l’uso di “/” al posto dello spazio, roba da IBM (credo, da verificare). E, ovviamente, tutto maiuscolo.
Il PL/I doveva essere un linguaggio universale che, per quanto mi riguardava, avrebbe dovuto rimpiazzare anche il FORTRAN. Mai dovuto affrontarlo, era una specie di babau per i vecchi che forse l’avevano incontrato e ne erano scampati, con terrore (che trasmettevano a noi giovani). E invece –pensa te!– era usabile e usato :shock:

logofreaknetwitter_reasonably_small
Su Twitter Museo Informatica pubblica le foto di macchine di quando ero giovane, da seguire.
C’è anche il blog Museo dell’Informatica Funzionante, peccato che sono lontani, altrimenti… Siracusa, quella che da Archimede in poi merita una visita, lunga e prolungata. Con deviazione a Palazzolo Acreide per il teatro greco e –sopratutto– il museo del Poetry Hacklab.

Una notizia che mi sono perso: i “vecchi” progettisti di Olivetti a Roma; ho preso un appunto. Che ho perso, se lo ritrovo aggiorno; se qualcuno sa parli! :oops:

software_64Poi oggi questo, davvero la fine di un’era, sulla quale potrei raccontare anche un fatto personale raccapricciante: End of an Era: After a 30 Year Run, IBM Drops Support For Lotus 1-2-3

header
Ma è il nuovo che avanza. Per dire c’è chi riscrive i miei script vecchi di qualche anno convertendoli dal meraviglioso newLISP al quasi altrettanto bello Python. Invece gli script fatti con Gnuplot resistono perché versatili e poi –OK, segreto segretissimo, cancello. Questo capita dove ci si sta chiedendo “Ma Windows 10…” di cui ho trollato recentemente. Pare la cosa interessi, che tempi! :mrgreen:

Ancora Windows?

windows-10-logo-windows-91-640x353Personalmente io sono con Rhett Butler. Ma per quel che ho visto la mossa di Micro$oft ha avuto successo. Ieri il web è stato invaso da commenti, considerazioni, “Ohhh!“, “Ahhhh!“, “Wow!” (“Uau!“). Tanto che voglio raccontarvi di un caso controcorrente. Ma prima una mini rassegna (tendenziosa più dell’usuale).
Una cosa che si dice (ma non ritrovo l’URL) è che il 10 sarà per tutti gli aggeggi, dal telefono al server. Non ci credo. O almeno io non riesco a immaginare come potrei scrivere, pasticciare con le immagini e quant’altro senza tastiera. Esempio minimo: quando scrivo (anche questo post) mi capita continuamente di tagliare, spostarmi, incollare, su più file. Ok, lo faccio da 30+ anni, ho iniziato su Prime con un editor molto simile a ed (sì su Linux c’è ancora) e ho continuato da allora, cambiando tante volte editor, ovvio (peraltro mi manca Emacs); forse sono troppo vecchio. Ma voi ci riuscireste con i soli pollici? O regredireste a Facebook e Whatsapp? La seconda che ho detto vero?
Intanto pare che ci sia (ma non da noi) il technical preview.
Aggiornamento: provate qui.
Però se lo trovate e lo installate poi non riuscirete a tornare indietro. Buona fortuna!
Niente per adesso non c’è. E intanto continuate a usare XP (sì, parecchi sono rimasti lì), Vista (!), 7, 8, 8.1, whatever.

Ma c’è una buona notizia, adesso vi racconto. Ieri mi hanno detto che una mia ex collega è passata a Linux, Ubuntu con Unity per la precisione.
La cosa è stata più o meno così: lei usa solo un portatile (a cui attacca il mouse) perché è molto mobile. Non solo casa-ufficio ma viaggi anche esageratamente lunghi. Con il ‘puter fa quello che fanno in tanti, usa Office, il browser, legge e scrive vagonate di mail, poco altro.
Pare che a portarlo in giro il portatile non duri più di tanto. O forse non sono più come quelli di una volta. O spheega. In ogni caso il suo ha cominciato a dare errori su errori e nell’attesa di uno nuovo il sysop (si usa ancora questo termine?) dell’ufficio dove lavora le ha detto che aveva a disposizione solo un ferrovecchio, funzionante certo ma con Ubuntu. Probabilmente per disperazione, si è sempre in ritardo sulle scadenze, la sventurata rispose (cit.). Il sysop (che appena lo vedrò abbraccerò e bacerò in fronte, più volte) le ha dato qualche dritta, ha predisposto le icone giuste sulla barra delle icone (non ricordo mai come si chiama) e qualcuna (parecchie) anche sul desktop e via.
Ecco, è avvenuto il miracolo. Il portatile nuovo ha dentro ‘buntu. E non ha l’antivirus. Ed è più veloce al boot e allo spegnimento. E tutto, mi assicurano, senza effetti collaterali.
Quel sysop è davvero più bravo di me, fossero tutti come lui nessuno si porrebbe problemi circa Windows  10.
Poi c’è chi si chiede se finalmente riuscirà a gestire la spazzatura: Will Windows 10 Finally Address OS Decay?

Personalmente la penso come Rhett: “Frankly, my dear, I don’t give a damn“.
In questi casi bisogna metterlo comunque il “(cit.)“?

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 77 follower